Comunicare la Pace

La Pace è fatta anche di comunicazione. Poter comunicare tra parti, persone, popoli, e capirsi, sta alla base di ogni processo di riappacificazione e di costruzione della pace.

Ma come superare le differenze linguistiche e quale modello adottare nella comunicazione verbale?

Esse, le parole, possono contribuire al processo di integrazione tra Paesi, Stati, Nazioni, e nei processi internazionali del peacekeeping, del peacebuilding, della comunicazione negli ambiti della sicurezza e della difesa.

Ne abbiamo parlato con la Prof.ssa Antonella Distante, docente presso l’Università di Roma “La Sapienza”, che si occupa proprio ( ma non soltanto ) delle “parole” con cui vengono scritte le norme europee.

La Prof.ssa Distante non è tra i docenti del Master ( ma lo è stata in precedenti anni accademici ), ed è stata la mia insegnante d’Inglese per la Sicurezza e Difesa, in uno specifico corso che ho frequentato parallelamente al Master.

Di seguito l’intervista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...